Forfora: cause e rimedi naturali

Forfora: cause e rimedi naturali

19 Giugno 2018 0 Di Giorgia Sammarco

La forfora è caratterizzata dalla presenza di squame bianche e secche che si staccano dal cuoio capelluto. Si tratta di cellule morte che si distaccano dall’epidermide. Il fenomeno del ricambio cellulare è assolutamente naturale, ma quando diventa eccessivo genera la forfora, che può provocare disagio e imbarazzo quando ci si trova in mezzo agli altri.

La buona notizia è che la forfora può essere trattata attraverso semplici rimedi naturali antiforfora. L’assenza di un processo infiammatorio distingue la forfora da alcune forme patologiche come la dermatite seborroica e la psoriasi, che non possono essere risolte col solo trattamento cosmetico. Se è questo il tuo caso, esistono efficaci rimedi naturali antiforfora, in grado di risolvere il problema in via definitiva.

Quali sono le cause

La forfora è molto più diffusa negli uomini che nelle donne. Si ritiene pertanto che gli ormoni maschili svolgano una funzione importante nella sua comparsa.

E’ stata anche stabilita una correlazione tra forfora e la presenza di un fungo, il PityrospumMalassezia Furfur. Alcuni dermatologi ritengano però che la presenza del fungo sia una conseguenza e non la causa in quanto la presenza di forfora creerebbe un ambiente idoneo alla proliferazione del fungo.

L’ipotesi genetica rimane quella più accreditata, ma anche altre cause possono concorrere come lo stress, l’alimentazione, l’utilizzo di cosmetici aggressivi o del phon troppo caldo.

Tipologie di forfora

Ci sono due tipologie di forfora: quella secca e quella grassa. La forfora secca è caratterizzata dalla presenza di scagliette bianche, accompagnate da prurito, ma quasi mai da arrossamenti della cute. La forfora grassa è presente quando alla desquamazione si accompagna un’eccessiva produzione di sebo. Si presenta con squame giallo grigiastro e arrossamento della cute. La forfora grassa, se non trattata, può degenerare in dermatite seborroica.

Rimedi naturali antiforfora

Inutile, se non dannoso, è il fare ricorso a cosmetici aggressivi o addirittura a farmaci. Lascia stare le farmacie e tutti i prodotti consigliati per il trattamento di questo inestetismo e orientati su uno shampoo delicato, come quelli che vengono usati sui bambini. I prodotti aggressivi stressano la tua cute, inasprendo il problema.

Puoi anche scegliere di evitare per un po’ lo shampoo tradizionale. Esistono dei validi e delicati sistemi per lavare i capelli senza shampoo.

Leggi anche: LAVARE I CAPELLI SENZA SHAMPOO

Un utile rimedio naturale e casalingo contro la forfora è l’aceto. Esso può essere usato per realizzare una lozione, da massaggiare sul capo prima di andare a letto. Ecco la ricetta:

  • 25 ml di acqua
  • 1 cucchiaio di aceto bianco
  • 10 gocce di olio essenziale a scelta

Un altro modo è quello di usare l’aceto (diluito in acqua) per effettuare l’ultimo risciacquo dei capelli mentre si fa lo shampoo. Questo ti lascerà anche i capelli molto lucidi.

La ricetta della lozione all’aceto prevede anche l’uso di alcuni oli essenziali. Quelli più indicati per questa problematica sono quelli di tea tree, eucalipto, rosmarino, limone e salvia.

La lozione può anche essere preparata sostituendo l’aceto con l’infuso di ortica, pianta da sempre utilizzata per contrastare la forfora.

Un altro aiuto dalla natura ci viene dal neem, uno straordinario disinfettante naturale. Il neem viene venduto sotto forma di polvere per capelli, e si usa per impacchi (unendo la polvere all’acqua) da tenere in posa prima dello shampoo per circa mezz’ora.

Suggerimenti antiforfora

Ecco una serie di suggerimenti antiforfora che possono aiutare chi sta combattendo per contrastare questo odioso inestetismo:

  • lava i capelli spesso: si crede erroneamente che lavaggi frequenti incrementino la produzione di forfora. In realtà il pityrospum, ampiamente presente in presenza di forfora, si nutre del sebo cutaneo. Tenere i capelli sempre puliti ne contrasta la proliferazione.

  • Usa cosmetici non aggressivi: shampoo aggressivi e prodotti per lo styling dei capelli possono provocare un’alterazione del pH cutaneo, favorendo l’insorgere del fenomeno.

  • Non sottoporre la cute a stress termici: il calore del phon, così come l’acqua calda, possono aggravare il fenomeno. Meglio usare l’aria fredda del phon per asciugare i capelli e lavarli con acqua tiepida.

  • Cura l’alimentazione: l’alimentazione ha sempre un ruolo decisivo in qualunque disturbo. Un’alimentazione priva di vitamine e sali minerali e ricca di grassi può essere alla base dell’insorgere della forfora.

  • Controlla lo stress: lo stress provoca l’atrofia dei capillari sanguigni e una conseguente denutrizione della cute, che si sfalda abbondantemente dando vita alla forfora. Infatti, in presenza di stress, le ghiandole surrenali secernono adrenalina e cortisolo, due ormoni vasocostrittori.