Malassezia: la causa principale di forfora e dermatite seborroica

Malassezia: la causa principale di forfora e dermatite seborroica

15 Febbraio 2019 0 Di Giorgia Sammarco

Forfora e dermatite seborroica possono portare alla caduta dei capelli a causa del processo infiammatorio che sono in grado di scatenare. Ecco perché andrebbero sempre trattate adeguatamente, specie se c’è il rischio di calvizie. Ma cosa le causa? La malassezia è la responsabile ed è verso di lei che dobbiamo lottare.

Malassezia: chi è il nemico che dobbiamo combattere?

La Malassezia è un fungo che prolifera sul cuoio capelluto. Ne esistono diverse varianti, ma quelle che danneggiano il cuoio capelluto sono prevalentemente la Malassezia Furfur e la Malassezia Globosa, che si nutrono degli acidi grassi del sebo sprigionato dal nostro cuoio capelluto. Non stupisce quindi che questo fenomeno si inasprisca in estate, quando si suda di più, oppure durante la pubertà, quando le ghiandole sebacee sono particolarmente attive per ragioni ormonali.

Cosa provoca la Malassezia

Questo fungo è piuttosto fastidioso perché crea disagi sia fisici che psicologici. Il suo proliferare infatti provoca la formazione di squame sulla nostra cute che provocano un fastidioso prurito e che mettono socialmente in imbarazzo chi ne è affetto. Le squame di forfora infatti creano un effetto particolarmente antiestetico sia sulla testa che quando cadono e si depositano sui vestiti.

Se la situazione si aggrava, si può essere colpiti da dermatite seborroica, che è un’infiammazione che provocala comparsa di zone rosse, irritate e desquamate della pelle e la formazione di croste gialle contenenti pus.

In situazioni ancora più gravi, il fungo riesce a penetrare nei follicoli, provocando la follicolite. La conseguenza è la formazione di eritemi e pustole. La follicolite si può verificare quando le difese immunitarie del soggetto sono particolarmente compromesse, in caso di diabete mellito o quando si assumono antibiotici e steroidi. Anche i cosmetici occlusivi possono scatenarla.

Possibili rimedi contro la Malassazia

La Malassezia deve essere diagnosticata da uno specialista, quindi quando si notano i sintomi è bene sottoporsi ad una visita medica. Dato che questo fungo può influire anche sulla caduta dei nostri capelli, è bene non perdere tempo.

Il trattamento deve essere prescritto da un dermatologo e si basa di solito sull’assunzione di un antifungino, da applicare sulla cute o da assumere per via orale.