Finasteride: il farmaco anti calvizie più usato

Finasteride: il farmaco anti calvizie più usato

23 Gennaio 2019 1 Di Giorgia Sammarco

Tra i rimedi contro la calvizie uno dei più efficaci è sicuramente l’assunzione di farmaci anti caduta. Tra questa categoria spicca il Finasteride, uno dei farmaci anti caduta più usati nel mondo. Scopriamo come agisce e se vale la pena usarlo per contrastare la caduta dei capelli.

Che cos’è il Finasteride

Finasteride è un farmaco prodotto dalla multinazionale americana Merck. Finasteride non è nato come un farmaco per contrastare la caduta dei capelli, infatti era stato concepito per la cura del tumore alla prostata. Si scoprì però in seguito che era efficace nel contrastare l’alopecia androgenetica, quindi venne impiegato per questo scopo. Infatti il suo principio attivo, la Propecia, è in grado di contrastare l’azione dell’enzima 5-alfa-riduttasi, responsabile della caduta dei capelli nei maschi adulti.

Questo enzima converte l’ormone testosterone in diidrotestosterone, noto anche come DHT. Il DHT, presente in quantità eccessive nella zona del cuoio capelluto, provoca la caduta dei capelli, inoltre stimola anche l’iperattività delle ghiandole sebacee, fenomeno che può ulteriormente aggravare la tendenza a perdere i capelli perché una cute grassa è terreno fertile per infiammazioni del cuoio capelluto. Un’anomala concentrazione di DHT provoca inoltre irsutismo, per cui si tende a perdere i capelli ma ad avere un corpo ricoperto da molti peli.

Finasteride impedisce la conversione del testosterone in diidrotestosterone, contribuendo a contrastare l’alopecia androgenetica. La sua azione consiste nel bloccare la caduta dei capelli, ma non favorisce la ricrescita di quelli perduti se non in rari casi. Se si decide di assumerlo va quindi preso non appena si nota un principio di perdita dei capelli. Va assunto sotto prescrizione medica.

Effetti collaterali di Finasteride

Gli effetti collaterali di Finasteride sono piuttosto gravi. Fortunatamente essi si manifestano in non più del 3% dei casi.

Essi sono legati per lo più alla sfera sessuale. Rientrando nella percentuale sfortunata, si potrebbe andare infatti incontro a danni all’apparato genitale e urinario, disfunzione erettile, problemi di eiaculazione, calo della libido. L’assunzione da parte dell donne può esporre a rischio di carcinoma mammario e anomalie dell’apparato genitale nei feti maschi in caso di assunzione durante la gravidanza.

Un altro punto da tenere in considerazione quando si decide di assumere Finasteride è l’impossibilità di smettere senza perdere i risultati ottenuti. Finasteride è un farmaco che va assunto a vita. Diversamente i capelli riprenderanno subito a cadere dopo poco dall’interruzione del trattamento.

Un recente studio è abbastanza pessimistico sugli effetti collaterali del farmaco anticaduta. Secondo questo studio la percentuale di persone colpite dagli effetti collaterali è ben più ampia e gli effetti sulla sfera sessuale sarebbero persistenti, continuerebbero cioè anche dopo l’interruzione del trattamento. Pare inoltre che questo farmaco non vada ad influire negativamente solo sulla sfera sessuale, ma che provochi anche depressione e addirittura istinti suicidi.

I dubbi sull’utilizzo di questo farmaco sono alquanto alti e tendono ad aumentare con il progresso della ricerca scientifica che lo vede protagonista. Non essendo stato ancora proibito, prima di scegliere di utilizzarlo bisogno valutare bene, considerando i rischi per la nostra salute.